Le imbarcazioni con la coda e la testa di un drago sono in grado di ospitare dai 15 ai 20 rematori ad imbarcazione, mentre un timoniere ha il suo bel da fare a mantenere la rotta, messo in difficoltà dagli stessi vogatori, che spesso imprimono forze ben diverse fra destra e sinistra, malgrado il ritmo cadenzato del tamburo. La "Sfida dei Draghi, è ideata e condotta da Paola e Nava, in collaborazione con il Comune di Laveno Mombello. In acqua erano presenti due “Dragon Boat” che hanno ospitato i ragazzi del Comitato di Maria Letizia Verga. La responsabile del Comitato Letizia Verga al termine della dimostrazione con i giovanissimi protagonisti ha affermato: “Questa giornata rappresenta qualcosa di molto speciale...io e Paola Ferrario, abbiamo organizzato questo evento sulle Dragon Boat per dei grandi campioni di VITA. Le famiglie del Comitato Maria Letizia Verga dell'ospedale San Gerardo di Monza che con i loro bambini, hanno partecipato a questa giornata tutta dedicata a loro...la leucemia si può combattere e questi bimbi meravigliosi hanno una grinta da leoni! Grazie a Rosanna Luperi che ha sostenuto l'iniziativa coinvolgendo piccoli e famiglie! Poi una dimostrazione agonistica con i vigili del fuoco volontari di Laveno Mombello e i volontari della protezione civile lavenese. Una bella gara che sulla distanza dei 500 metri ha visto l’assoluta parità con un tempo record per la prima gara di 2 minuti e 17 secondi, tempo battuto ancora alla pari con i 2 minuti e 12 secondi della seconda manche sempre alla pari e con un condotta lineare quale non si era vista nella prima. Alla fine per i ragazzi del Comitato Letizia Verga ci sono stati i regali a ricordo della bella giornata sul lago Maggiore. La cronaca della competizione era curata come sempre da Paola Nava di Top Vela.