ci auguriamo, a quello che aveva dichiarato, attraverso una nota stampa, e cioe' la sua disponibilita' a concedere la revoca del diniego alla deroga sui punti nascita. Se ci sara', come crediamo il punto nascita di Angera sara' riaperto, cosi' come la pediatria. Voglio ricordare che l'accelerazione della chiusura di questo punto nascita e' stata data in seguito ad un problema di reperimento di pediatri. Problema sul quale stiamo cercando di intervenire attraverso la costruzione di proposte incentivanti che attraggano questi specialisti a venire qua a lavorare". COLLABORAZIONE AMMINISTRATORI - "Sono lieto che in questa sfida - ha concluso Gallera - gli amministratori locali siano al nostro fianco. Dopo l'incontro di questa mattina si rafforza la collaborazione con quelli del varesotto e diciamo che si apre una nuova pagina di forte confronto e condivisione sulla base anche dei dati che inducono Regione a certe scelte, che sono confortate dal bisogno di rispondere a quelle domande nuove e alla necessita' di venire incontro a dati oggettivi, come la mancanza di personale o a requisiti di sicurezza. Questo continuo confronto con i sindaci sara' governato da Ats e Asst e sono certo contribuira' a una attuazione della riforma ancora piu' aderente alle necessita' locali visto il senso di responsabilita' e la capacita' di comprensione dei contesti emersa, questa mattina, da parte dei rappresentanti del territorio. Siamo dalla stessa parte, al centro ci sono i bisogni dei cittadini e le istituzioni territoriali in Lombardia collaborano con senso di maturita' e responsabilita' per migliorare la loro qualita' di vita". ASSESSORE BRIANZA: PUNTIAMO A DARE IL MEGLIO - "Nessuno vuole imporre scelte dall'alto - ha detto l'assessore regionale al Reddito di autonomia Francesca Brianza, presente in qualita' di rappresentante territoriale -. L'obiettivo di Regione Lombardia e' quello di fornire ai cittadini standard sanitari qualitativamente molto alti e nel rispetto delle specificita' dei territori, consapevoli che la provincia di Varese, ha differenze territoriali anche molto significative, ma questo non puo' e non deve tradursi in un disagio per i cittadini. Il nostro scopo e' quello di efficientare e razionalizzare garantendo il massimo della sicurezza. Non vogliamo assistere a lotte tra territori, e' chiaro che ognuno vorrebbe il massimo a casa propria ma, in un momento in cui le risorse da parte dello Stato sono sempre piu' limitate, purtroppo questo non e' possibile. L'incontro con i sindaci e' stato molto soddisfacente - ha aggiunto - ho trovato un clima positivo e un senso di responsabilita' da parte di tutti. Angera, Cittiglio, Luino e Tradate, sono realta' differenti che meritano di essere preservate e valorizzate per essere sempre piu' rispondenti ai bisogni dei cittadini e sulle quali l'attenzione di Regione Lombardia resta massima. In questo ultimo periodo - ha concluso - si sono accesi nella Provincia diversi focolai che in qualche modo sono stati fomentati anche dalla diffusione di notizie imprecise e non sempre corrispondenti al vero, per questo, abbiamo ritenuto importante creare un momento di confronto; confronto che, cosi' come convenuto con gli amministratori, proseguira' nel futuro per condividere insieme i vari passaggi che porteranno alla completa attuazione della riforma sanitaria".